Seguiteci anche su  
 
 
Tutta l'Arte per i bambini. 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
 
(Copyright 2016 -FAGR Editore - sapereinsatira.com. Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, la divulgazione di parti di questo sito senza il consenso scritto della FAGR Editore che ne detiene i diritti.)
 
 
IL TACCUINO DI ISABEL
 
Il taccuino di ISABEL 
HOME 
 
ASTROLOGIA 
 
BELLEZZA E CURA PERSONALE 
 
CAVALIERI E MODI CAVALLERESCHI 
 
FESTE  
 
FESTE FOLCLORISTICHE 
 
MUSICA 
 
PIETRE PREZIOSE 
 
STILE MOBILI E ARREDO 
 
USANZE STRANIERE 
 
I SEGRETI DIVINATORI DI LUCA GAURICO 
 
Luca Gaurico è uno degli astrologi più famosi mai esistiti, tanto che il suo nome fu dato ad un cratere lunare. Nato a Gauro (oggi Montecorvino Rovello, comune in provincia di Salerno) il 12 marzo del 1475 da Bernardino, un dotto letterato, scrittore, grammatico e poeta (suo primo maestro), egli divenne come suo padre un uomo molto colto. 
Come astrologo non sbagli? mai una previsione sul futuro, tanto che ebbe la stima della regina di Francia Caterina de' Medici. 
Nel suo lavoro più famoso: Tractatus Astrologicus, vi sono le carte natali di re, papi, cardinali, studiosi, musicisti e artisti. 
Non sempre ai tempi di Gauro chi voleva sapere il suo  futuro accettava di buon grado un responso di disfatta completa e a Luca capitò di essere imprigionato e torturato barbaramente dal podestà di Bologna, Giovanni II Bentivoglio, ma quando questi sarà sconfitto proprio come da lui predetto, la sua fama aumenterà ancora di più. 
Egli riuscì a prevedere l'ascesa al soglio pontificio di Giovanni de' Medici (papa Leone X) e Giulio de' Medici (papa Clemente VII), di quest'ultimo anche che avrebbe avuto numerosi discendenti (ebbe sembra 29 figli). Ma il successo completo lo raggiunse quando il papa Paolo III lo volle come suo astrologo personale e per premiarlo della sua bravura, lo fece vescovo di Civitate in Puglia. Dopo la morte di questo  pontefice, Luca preferì però lasciare i suoi incarichi religiosi e tornare a Roma dove morì il 16 marzo 1558.